Spedizione GRATUITA per ordini superiori a 69,90€

Pulpite

Pulpite

Che cos’è la pulpite? La pulpite è una patologia infiammatoria della polpa dentaria dovuta a carie, traumi o eccessivi stimoli termici

31/01/2022 10:20:00 | Volafarma

Che cos'è la pulpite

La pulpite è un'infiammazione della polpa, ossia della parte interna del dente costituita da tessuti e nervi. Tale patologia dentaria è determinata da carie profonde, traumi o una riparazione dentale particolarmente invasiva.

L'infiammazione della polpa del dente, nella sua forma acuta, potrebbe scomparire con la rimozione della causa che l’ha determinata. Se non venisse trattata correttamente, però, la pulpite potrebbe diventare irreversibile.

Sintomi: come si manifesta la pulpite

Come si manifesta la pulpite? I sintomi possono essere:

- aumento di sensibilità del dente agli stimoli termici o a cibi contenenti alte quantità di zuccheri e alla masticazione
- dolore ai denti dopo aver masticato un alimento freddo o caldo
- presenza di gonfiore gengivale
- parodontite apicale
- accesso apicale
- granuloma apicale
- cisti apicale.

Pulpite: cause

La pulpite può essere generata da vari fattori, ma tra le cause più frequenti spiccano:

- carie
- traumi dentari
- stimoli termici eccessivi.

Pulpite: rimedi

Come curare la pulpite? Il trattamento per la pulpite varia a seconda che si tratti di una pulpite acuta oppure cronica.

La pulpite acuta è una fase infiammatoria che permette ancora di recuperare il dente colpito. Infatti, è sufficiente rimuovere la causa, che in genere è una carie, e ricostruire il dente.

Tra i rimedi per la sensibilità dentaria, ovvero il principale sintomo della pulpite, ci sono i dentifrici per denti sensibili come Curasept Biosmalto e i collutori come Curaden Curasept Sensitivity.

Si può ricorrere a farmaci a base di paracetamolo (o acetaminofene) come il Buscopan a compresse, utile per alleviare il dolore di entità lieve o moderata dovuto alla pulpite. Mentre di solito si assumono antinfiammatori non steroidei (FANS), che sono farmaci utilizzati non solo per alleviare il dolore (analgesici), ma anche per ridurre l’infiammazione (antiflogistici).

Tra la pulpite e la devitalizzazione c’è una connessione? In presenza della forma irreversibile della pulpite, la cura consiste nella rimozione della polpa, ossia nel trattamento endodontico (devitalizzazione) o nell’estrazione del dente.

Consigli per la pulpite

Si consiglia di consultare subito un dentista quando si verificano i primi sintomi della pulpite in modo da non farla degenerare nella sua forma irreversibile. In ogni caso, è sempre raccomandato fare visite periodiche dal dentista per controllare lo stato di salute dei propri denti.

 

Prodotti correlati

Se hai trovato utile questo articolo potrebbero interessarti anche...