Spedizione GRATUITA per ordini superiori a 69,90€

Naso che cola continuamente? Ecco da cosa può dipendere

Naso che cola continuamente? Ecco da cosa può dipendere

Un fazzoletto tira l'altro? Ecco come liberare il naso che cola continuamente

16/02/2021 10:34:00 | Volafarma

Raffreddore o allergia: ecco tutte le cause del naso che cola continuamente e i rimedi più efficaci

Uno starnuto segue l’altro, gli occhi sono lucidi e hai bisogno di fazzoletti sempre a portata di mano? Il naso che cola continuamente trasforma le giornate, e le nottate, in un vero e proprio incubo.

Infatti la rinorrea, che è il classico sintomo dei malanni di stagione e non solo, è davvero invalidante: allora è necessario correre subito ai ripari per alleviare il fastidio ma, per trovare i rimedi più efficaci, è necessario capire quali sono le cause scatenanti.

Andiamo a scoprirne di più!


Perché il naso cola?

La rinorrea consiste nella perdita eccessiva di liquido e di muco dal naso, o dai seni paranasali, verso l'esterno o verso la gola, ed è un sintomo che accomuna numerose patologie a carico delle vie respiratorie. Le più comuni sono:

- Influenza.

- Infezioni virali (raffreddore).

- Allergie.

- Infezioni a carico delle vie respiratorie e delle infiammazioni dei seni paranasali, come rinite, sinusite e polipi nasali.

Infatti, le ghiandole del naso, quando sollecitate da queste specifiche condizioni, producono una maggiore quantità di secrezioni nasali, allo scopo di umidificare e proteggere i delicati tessuti della mucosa

Molto spesso poi, la reazione si manifesta inizialmente con secrezioni nasali acquose e chiare, ma che poi diventano nel tempo più dense e corpose: queste rendono la respirazione difficoltosa e portano ad una situazione di naso chiuso e infiammazione della mucosa nasale.


Naso che cola e si chiude? Ecco i rimedi più efficaci!

Il naso che cola continuamente e poi si chiude, è un sintomo che quindi non richiede terapie specifiche, ma i rimedi sono legati alle cause che la scatenano:

- Quando l’ipersecrezione è dovuta ad una reazione allergica, i farmaci più indicati sono gli antistaminici, che riducono il prurito e il gonfiore, e nei casi più gravi si utilizzano anche i cortisonici.

- Se la causa è un’infezione batterica o virale, di solito è sufficiente trattare i sintomi con antinfiammatori come ActiFed compresse e decongestionanti nasali spray.

- Se il responsabile del gocciolamento è l’influenza, è possibile assumere, sotto prescrizione del medico, farmaci antivirali e antibiotici che regolano anche la produzione di muco nasale.

In generale comunque, è consigliabile:

Evitare sostanze irritanti e gli sbalzi di temperatura.

- Bere molto per mantenere una corretta idratazione, soprattutto bevande calde, come tisane decongestionanti, ad esempio con zenzero e limone

- Utilizzare un umidificatore per ambienti.

- Fare suffumigi, il rimedio naturale per eccellenza per la congestione nasale, ad esempio con l’olio essenziale all’eucalipto.

- Effettuare lavaggi nasali a base di soluzione fisiologica per pulire e liberare le narici (senza esagerare).


E se la pelle si irrita?

Quando il naso cola continuamente, entra in costante contatto con i fazzoletti e lo sfregamento sulla pelle delicata, porta inevitabilmente, ad un’irritazione cutanea dolorosa, con conseguente comparsa di rossore e pellicine bianche intorno alle narici.

Ricorda allora di cambiare spesso fazzoletto e prova ad applicare l’acqua termale, dall’azione lenitiva e rinfrescante, oppure una crema idratante: molto efficace la pasta protettiva con vitamina E e ossido di zinco, Vea Zinco, che rinforza la barriera cutanea, ammorbidisce e astringe, quindi è perfetta per la pelle irritata e screpolata.

Per questi e moltissimi altri prodotti specifici consulta lo shop online di Volafarma!

Prodotti correlati

Se hai trovato utile questo articolo potrebbero interessarti anche...