Spedizione GRATUITA per ordini superiori a 69,90€

 

Faringite acuta

Faringite acuta

La faringite è un’infiammazione della parte posteriore della gola, causata da virus, batteri o particolari condizioni mediche

27/10/2021 14:38:00 | Volafarma

Che cos'è la faringite acuta

La faringite acuta è un'infiammazione della faringe, nell’area nella parte posteriore della gola (orofaringe). Tale infiammazione della gola spesso è dovuta a infezioni virali come il raffreddore, l'influenza o la mononucleosi; a volte il processo infiammatorio è legato alla presenza di batteri e, comunque, favorito da diversi fattori ambientali, come il tabagismo e la ridotta umidità ambientale.

Sintomi: come si manifesta la faringite acuta

I sintomi della faringite acuta variano a seconda dei fattori che hanno determinato la patologia. Tra i sintomi della faringite quello più caratteristico è il dolore graffiante localizzato nella parte posteriore della bocca. Oltre a questi sintomi, la faringite si accompagna a quelli tipici della malattia che l'ha determinata.

Quindi, se la faringite è dovuta a raffreddore, influenza e altre patologie infettive ci possono essere anche altri disturbi come:

- gola rossa con macchie bianche o grigie
- tonsille gonfie
- tosse
- starnuti frequenti
- difficoltà a deglutire
- febbre a 38°C o più
- dolori muscolari, stanchezza e malessere generale
- mal di testa

Se l'infezione alla gola persiste per più di una settimana, i sintomi della faringite diventano particolarmente severi, come:

- febbre alta, oltre i 38°C
- linfonodi del collo infiammati, gonfi e doloranti
- eruzioni cutanee
- marcata debolezza
- difficoltà a respirare

In tal caso è bene rivolgersi ad un medico perché potrebbe trattarsi di una tonsillite streptococcica che si cura con un trattamento antibiotico.

Faringite acuta: cause

Le cause della faringite acuta derivano spesso da infezioni batteriche o virali, come il raffreddore. I tipi più comuni di batteri e virus che possono provocare la faringite sono:

- virus rinovirus, coronavirus e parainfluenza
- tipi diversi del batterio streptococco
- adenovirus

Solitamente, si viene infettati dal batterio o virus che provoca la faringite tramite il contatto con qualcuno infetto. Per esempio, il contagio da raffreddore avviene attraverso le goccioline di fluido che contengono il virus del raffreddore, le quali goccioline vengono rilasciate nell’aria quando una persona fa starnuti, colpi di tosse o semplicemente parla.

Una volta contagiati, l’infezione provoca un’infiammazione (arrossamento e gonfiore) di orofaringe e tonsille, generando il mal di gola.

A volte la faringite è determinata da altri fattori come:

- irritazione per fumo di sigarette o alcol;
- reflusso gastroesofageo, una patologia caratterizzata dalla risalita degli acidi dallo stomaco all’esofago;
- raffreddore da fieno, una reazione allergica al polline e alle spore;
- alcune patologie del sangue, come la leucemia;
- mucosite orale, un’infiammazione dello strato di tessuto che riveste la bocca.

Faringite acuta: rimedi

La faringite acuta di solito non è una patologia grave e si guarisce nel giro di una settimana.

I farmaci da banco contenenti paracetamolo o antinfiammatori non steroidei sono comunemente indicati come cure per la faringite acuta di origine virale e possono anche contribuire ad abbassare la febbre. Gli antinfiammatori non steroidei, però, non sono adatti alle persone che soffrono o che in passato hanno sofferto di ulcera peptica, problemi al fegato o ai reni. In questi casi è meglio usare il paracetamolo.

Ci sono alcuni rimedi per la faringite che possono contribuire ad alleviare i sintomi.

Tra le cure per la faringite da reflusso gastro-esofageo c’è Faringel Plus, un integratore alimentare che aiuta a contrastare e ridurre rigurgito, pirosi, esofagiti e faringite. Anche in tutte le comuni infiammazioni del cavo orale (mucositi, afte, micosi) questo prodotto abbrevia i tempi di cicatrizzazione e dona sollievo.

Solitamente, l’uso di antibiotici per curare la faringite è raccomandato in caso di:

- faringite particolarmente severa;
- rischio di sviluppare un’infezione grave, per esempio perché si ha un sistema immunitario indebolito a causa, per esempio, del diabete;
- febbre reumatica;
- disturbo cardiaco valvolare;
- infezioni causate da streptococco di gruppo A.

Consigli per la faringite acuta

Per non favorire la comparsa della faringite, è bene evitare la condivisione di cibo, bevande e posate, oltre che mantenere una corretta igiene.  A tal fine si consiglia di lavarsi spesso le mani specialmente prima di mangiare e dopo aver tossito o starnutito, utilizzando disinfettanti per le mani a base di alcool, o i classici acqua e sapone.