Spedizione GRATUITA per ordini superiori a 69,90€

 

Epatite C

Epatite C

Il virus dell'epatite C è la principale causa di epatite virale acuta e cronica che può evolvere in cirrosi, insufficienza epatica e cancro al fegato

27/10/2021 14:27:00 | Volafarma

Che cos'è l'epatite C

L'epatite C è una malattia infiammatoria causata dal virus dell'epatite C o Hepatitis C Virus (HCV) che colpisce il fegato e si sviluppa in forma acuta e cronica. Tale malattia è quindi detta virale ed è una delle principali cause dello sviluppo di patologie che interessano il fegato.

Una volta diventata cronica, l’infezione da HCV può evolvere in cirrosi epatica, insufficienza epatica, tumore del fegato o epatocarcinoma. Tale progressione della malattia è favorita dalla presenza di alcuni fattori tra cui:

- Contrarre altre infezioni virali che possono danneggiare il fegato (ad esempio, virus dell'epatite B, virus dell’epatite A),
- Contrarre il virus dell'immunodeficienza umana (HIV),
- La presenza di una malattia autoimmunitaria del fegato,
- L'abuso di alcol,
- L'uso di farmaci che hanno effetti tossici sul fegato.

Sintomi: come si manifesta l'epatite C

L'infezione acuta da HCV è spesso di lieve entità e non provoca sintomi, ma tende a persistere nell'organismo, diventando cronica nella maggior parte delle persone infettate.

I primi sintomi di epatite C possono manifestarsi diversi mesi dopo la penetrazione, ma se il virus resta nell'organismo oltre i 6, l'infezione diventa cronica e può causare un’infiammazione permanente del fegato (epatite cronica), che può degenerare in cirrosi epatica e tumore.


Nell'infezione cronica da epatite C i sintomi più frequenti sono:

- debolezza e stanchezza
- senso di malessere
- difficoltà digestive
- gonfiore e dolore addominale
- dolori muscolari e articolari
- depressione o ansia


Nella sua evoluzione, l’infiammazione cronica determinata dall’epatite C può inoltre provocare:

- insufficienza del funzionamento del fegato più o meno grave
- cirrosi, un'alterazione della struttura del fegato dovuta allo sviluppo di tessuto fibroso che si sostituisce alle parti funzionanti dell'organo.


Quando sono presenti, i segnali caratteristici delle patologie al fegato sono:

- colorazione giallastra della pelle (ittero) e della parte bianca dell'occhio (subittero)
- urine scure e feci chiare
- nausea e vomito
- inappetenza
- dolori addominali
- dolori articolari e muscolari
- comparsa di prurito cutaneo,
- perdita di peso,
- gonfiore e accumulo di liquido a livello delle gambe e dell'addome (ascite),
- facili sanguinamenti e lividi sulla pelle,
- confusione mentale, sonnolenza, difficoltà della parola.


Infine, in alcune persone affette dall’infezione in forma cronica, si possono sviluppare manifestazioni extraepatiche a carico di altri organi, questo come reazione del sistema immunitario. Tra queste malattie ci sono:

- diabete mellito,
- glomerulonefrite,
- crioglobulinemia mista, ossia la presenza di proteine anomale nel sangue,
- porfiria cutanea tarda, una patologia che provoca fragilità della pelle e comparsa di vesciche,
- linfomi.

Epatite C: cause

L'epatite C come si trasmette? Sostanzialmente attraverso il contatto con il sangue di persone infette e la conseguente penetrazione del virus nella pelle o nelle mucose. Questa modalità di contagio può avvenire, ad esempio, con:

- la puntura di aghi, l’uso di attrezzature e strumenti non adeguatamente sterilizzati, ma contaminati con il sangue di una persona infetta;
- la trasfusione di sangue contaminato;
- lo scambio di oggetti per la cura personale.

Epatite C: rimedi

Attualmente per prevenire l’epatite C non esiste un vaccino, mentre per quanto riguarda la cura, nella maggior parte dei casi si somministrano farmaci antivirali ad azione diretta, in grado di contrastare la crescita del virus, con lo scopo di eliminarlo dall'organismo.

In caso di infezione da epatite C, possono risultare utili tuttavia anche dei rimedi naturali che depurino il fegato e riducano il danno epatico grazie a diversi estratti vegetali, come:

- Cardo mariano,
- Carciofo,
- Curcuma,
- Tarassaco,
- Aloe vera, che svolge anche un'azione antiossidante e epatoprotettiva,
- Alga spirulina.

Un integratore alimentare che contiene cardo mariano è, ad esempio, Depatox, un prodotto indicato come supporto per le funzionalità del fegato, sia per quelle detossificanti che per quelle metaboliche.

Consigli per l'epatite C

Dopo aver visto come si trasmette l’epatite C, il primo suggerimento per prevenire l’infezione HCV è quello di evitare di entrare in contatto con il sangue di una persona portatrice del virus. Quindi, per esempio, è bene non scambiare oggetti utilizzati per la cura o l’igiene personale con persone con epatite C o individui di cui non si conosce lo stato di salute.

Come detto, non c’è una cura definitiva per l’epatite C, si consiglia piuttosto la vaccinazione contro l'A e la B, perché sono infezioni che peggiorano il danno al fegato.

Vivi in sicurezza e mantieniti informato su tutti i consigli migliori per la tua salute.

Prodotti correlati

Se hai trovato utile questo articolo potrebbero interessarti anche...