Spedizione GRATUITA per ordini superiori a 69,90€

 

Ecco come usare il saturimetro correttamente

Ecco come usare il saturimetro correttamente

Facile e veloce da utilizzare anche a casa: scopri come usare il saturimetro

18/12/2020 12:17:00 | Volafarma

Perché sapere come usare il saturimetro a casa può rivelarsi utile

Ne abbiamo sentito parlare tanto in questi mesi, come mai prima. La pandemia da Covid-19, infatti, ha costretto anche i “non addetti ai lavori” a capire come usare il saturimetro, uno strumento medico che si rivela particolarmente utile nella gestione casalinga dell’infezione, perché permette di tenere sotto controllo l’ossigenazione del sangue.

… E tu sai come funziona il saturimetro e perché è così importante? Andiamo a scoprirlo insieme!


Cos’è l’ossigenazione del sangue?

L’aria che respiriamo è carica di ossigeno e, con la respirazione, entra nel nostro organismo attraverso faringe, laringe, trachea e bronchi, fino a raggiungere i polmoni.

A livello degli alveoli polmonari avviene poi uno scambio gassoso: l’ossigeno entra nel circolo sanguigno e, nel mentre, l'anidride carbonica viene rilasciata, percorre in senso inverno le vie respiratorie, fino a raggiungere esterno del corpo, tramite l’espirazione. L’ossigeno, intanto, viene trasportato nel sangue per raggiungere tutti gli organi e i tessuti, grazie all’emoglobina, una proteina con una struttura chimica adatta al legame con l’ossigeno.

Quando le molecole di ossigeno raggiungono le cellule dell’organismo, al loro interno si verifica la “respirazione cellulare”, che consente la produzione di energia.

Il saturimetro è un dispositivo medico che è proprio in grado di misurare la quantità di ossigeno legata all’emoglobina nel sangue, in rapporto alla quantità totale di emoglobina circolante, quindi permette di stabilire la funzionalità respiratoria attraverso due valori:

- La saturazione di ossigeno (percentuale di emoglobina satura di ossigeno).

- La frequenza cardiaca (numero di battito al minuto).


Come funziona il saturimetro?

Il principio di funzionamento del saturimetro si basa su quello della spettrofotometria, ed è composto da due componenti:

- Una sonda a forma di pinza che effettua la misurazione e che va messa a contatto con il dito del paziente o, in alternativa, sul lobo dell’orecchio, mentre nei neonati l’applicazione viene fatta sul piede.

- Un’unità di calcolo e di elaborazione dati che li raccoglie tramite la sonda, li elabora e invia il risultato numerico sull’apposito monitor.

Come usare il saturimetro in 3 step

Questo strumento medico in passato veniva usato esclusivamente in ambito ospedaliero, mentre oggi, soprattutto a causa della pandemia da Covid-19, è largamente utilizzato in ambito domestico.

Utilizzarlo, infatti, è molto semplice e utile, basta seguire questi step:

1. Accendere il saturimetro.

2. Inserire il dito fino in fondo (in modo che il led illumini la parte centrale dell’unghia).

3. Attendere qualche secondo per le letture di saturazione di ossigeno e frequenza cardiaca.

L’interpretazione dei valori

Se il valore di saturazione di ossigeno nel sangue è superiore al 95% è da considerare normale. Se il paziente presenta valori inferiori, si è in presenza di ipossiemia, che può essere:

- Lieve (valore tra il 91% e il 94%)

- Moderata (valore tra l’86% e il 90%)

- Grave (valore uguale o inferiore all’85%)


Quando è utile saturimetro?

Saper come usare il saturimetro è fondamentale quando è necessario monitorare la saturazione di ossigeno nel sangue anche a casa, ad esempio in pazienti che presentano difficoltà respiratorie, non solo a causa dell’infezione da Covid-19, la quale può coinvolgere gli alveoli polmonari.

Se ti occorre, o vuoi essere previdente ed avere a disposizione a casa questo strumento, puoi acquistare sullo shop online di VolaFarma il Pulsossimetro da dito Oxy-3, un saturimetro con un rivestimento morbido in silicone, che si adatta alle dita di bambini e adulti.