Spedizione GRATUITA per ordini superiori a 69,90€

Dito a martello

Dito a martello

Disturbo del piede o della mano che deforma le dita. Scopri tutte le cause e i possibili rimedi per il dito a martello

20/05/2022 16:18:00 | Volafarma

Che cos’è il dito a martello 

Il dito a martello è un disturbo del piede o della mano che si manifesta con una deformità delle dita, che assumono un aspetto piegato in corrispondenza dell’articolazione centrale. Le dita appaiono sovrapposte o sottoposte rispetto alle altre. A livello della mano, il dito a martello interessa maggiormente indice o medio, mentre a livello del piede sono interessate seconda, terza e quarta falange. 

All’origine di questa deformità c’è un’instabilità dell’articolazione colpita, provocata da uno squilibrio tra i muscoli brevi e i muscoli lunghi del dito interessato. Inoltre, a livello del piede è spesso accompagnata da alluce valgo, una condizione in cui l’alluce devia verso le altre dita. 


Sintomi: come si manifesta il dito a martello

La deformità delle dita è la manifestazione clinica più evidente del dito a martello che si accompagna a dolori durante la camminata e difficoltà nel flettere le dita dei piedi. L’infiammazione che subentra può essere causata dal continuo sfregamento delle dita con le calzature che causano anche la comparsa di callosità sulle falangi dei piedi. 


Tra i principali sintomi del dito a martello troviamo:


- Deformità del dito 
- Dolore mentre si cammina 
- Difficoltà a muovere il dito 
- Calli
- Infiammazione 

Camminare a piedi scalzi, almeno all’interno della propria abitazione, può essere di grande giovamento per chi soffre di dito a martello.


Dito a martello: cause 

Le cause alla base del dito a martello possono essere riconducibili a eventi traumatici, appoggio sbagliato del piede e un’instabilità dell’articolazione colpita. Quando la causa è uno squilibrio tra i muscoli brevi e i muscoli lunghi del dito interessato, questa porta alla degenerazione o rottura della capsula articolare a livello metatarso-falangeo e all’instabilità tra la falange e il corrispettivo osso metatarsale. Questo meccanismo predispone a sviluppare una deformità del dito. Tra le cause del dito a martello possiamo citare:


- Predisposizione genetica
- Diabete
- Patologie articolari 
- Infortuni alle dita del piede 
- Calzature errate 
- Alluce valgo 

Gli eventi traumatici come uno stiramento o una lesione di un tendine possono causare una flessione del dito. In alcune circostanze, il dito a martello è di natura idiopatica, ossia esordisce senza cause apparenti.


Dito a martello: rimedi 

I rimedi per il dito a martello dipendono dalla gravità con cui questa deformità si presenta. Nei casi più gravi, quando il dolore è molto forte e invalidante, è necessario intervenire chirurgicamente. L’operazione consiste nel sezionare la testa della falange “piegata” in modo da accorciare il dito. Questo, successivamente, può essere fissato e stabilizzato nella corretta posizione con l’aiuto di un filo metallico. 

Nei casi meno gravi il medico può prescrivere l’utilizzo di tutori per il piede a martello e una terapia farmacologica per alleviare il dolore quando questo diventa acuto. Si possono usare farmaci ad uso topico come il gel Lasonil antidolore o per via orale come le bustine di Momentact analgesico


Consigli per il dito a martello 

Per evitare il possibile sviluppo del dito a martello è utile prestare attenzione al tipo di calzatura che si indossa. Le scarpe devono essere comode, dal tessuto morbido e non stringere eccessivamente pianta e dita del piede. Inoltre, se esiste una predisposizione a questa deformità è utile praticare esercizi di fisioterapia per rinforzare la muscolatura del piede e delle dita. 

L’uso di plantari è consigliato se si soffre di una postura sbagliata o, di una conformazione anatomica della pianta del piede che può predisporre a stress eccessivo le strutture dell’articolazione e rappresentare un fattore di rischio importante per il dito a martello

Prodotti correlati

Se hai trovato utile questo articolo potrebbero interessarti anche...